In occasione dei 30 anni del magazine, Donna Moderna ha lanciato una grande iniziativa di empowerment femminile, per spingere le donne ad avere più autostima. Per spingere noi donne a desiderare in grande, a conquistare spazi professionali che finora ci sono stati preclusi e a ridisegnare gli equilibri all’interno della famiglia.

L’entusiasmante iniziativa si articola in tre percorsi narrativi, il primo dei quali un libro scritto a 34 mani per Sperling & Kupfer: Donne come noi: 100 storie di donne italiane che hanno fatto cose eccezionali. Come Fabiola Gianotti direttrice generale del CERN, Pinin Brambilla Barcilon restauratrice dell’Ultima cena e Elena Cattaneo farmacologa, biologa e senatrice a vita, nota per le sue ricerche sulle cellule staminali. O ancora Roberta Buzzolani procuratore capo di Sciacca, Francesca Bosco una delle più note cybercriminologhe d’Italia e Bebe Vio schermitrice e campionessa paralimpica.

Nelle scorse settimane Donna Moderna ha tenuto inoltre nelle maggiori città italiane dei percorsi di formazione per creare consapevolezza e rafforzare le soft skills delle donne, competenze che talvolta possediamo già, ma che spesso dobbiamo imparare a valorizzare.

Donne come noi è anche uno spettacolo teatrale, offerto gratis a chiunque voglia assistervi grazie alla collaborazione con L’Oréal Paris. Frutto del lavoro di Giulia Minoli ed Emanuela Giordano, si tratta di un dialogo immaginario fra amiche, al quale partecipano tutte le donne del libro omonimo. La scenografia è essenziale, ci sono delle sedute da cinema rosse e un pianoforte. Interprete principale è l’attrice e cantante Tosca, accompagnata da altre 5 strepitose artiste: Giovanna Famulari, Maria Chiara Augenti, Anna Mallamaci, Rita Ferraro e Fabia Salvucci. Insieme per raccontare donne che hanno cambiato la loro vita e quella delle altre perché «Le storie delle protagoniste sono di ispirazione per tutte. Ci invitano a non smettere mai di credere nei desideri», dice Tosca.

Lo spettacolo teatrale si terrà a Roma il 17 giugno presso il Teatro Argentina in Largo di Torre Argentina 52 e a Torino il 19 giugno presso la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani in Corso Galileo Ferraris 266. I posti sono limitati e la registrazione avviene gratis inviando semplicemente una mail all’indirizzo:

spettacolo.donnecomenoi@mondadori.it

Nell’oggetto puoi mettere la città, mentre nel testo il tuo nome, cognome, numero di telefono e numero di biglietti (massimo 2 a persona). Ci sarai anche tu?

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.