Gel Doccia Concentrato Yves Rocher, 100 ml di prodotto per 40 docce

Con l’impegno di rispettare la pelle allo stesso modo dell’ambiente, i ricercatori Yves Rocher sono riusciti a trasformare un prodotto di tutti i giorni, un detergente per la doccia, in una formula unica: il risultato è un concentrato di natura e innovazione per il nostro benessere che si pone in linea con lo stile di vita dei giorni d’oggi.

Con la sua base detergente 100% vegetale, la sua formula con il 97% di ingredienti di origine naturale e sopratutto grazie alle irresistibili fragranze (anch’esse naturali) in cui si declina, il Gel Doccia Concentrato (3,95€) rende la doccia un momento di piacevole relax.

Questo nuovo Gel Doccia è talmente concentrato che una sola dose è sufficiente per una doccia. Un flacone da 100 ml corrisponde in effetti a ben 40 docce, lo stesso numero del flacone da 400 ml del classico bagno doccia Yves Rocher. 4 volte più concentrato grazie ad una formula innovativa messa a punto proprio nei laboratori dell’azienda, il nuovo gel doccia risponde a tutti i nostri impegni: è compatto, praticissimo e si può inserire anche nel bagaglio a mano quando si viaggia in aereo. La sua texture è fluida e cremosa, una gradevole coccola naturale. A contatto con l’acqua si trasforma, scivolando sulla pelle fino a diventare una schiuma leggera e delicata.

Il Gel Doccia Concentrato Yves Rocher è disponibile in 3 profumazioni: relax al petit grain, energia al mango e coriandolo e sensualità alla vaniglia Bourbon.

Come tutte le confezioni dei prodotti Yves Rocher, il Gel Doccia Concentrato è stato pensato in modo da minimizzare l’impatto ambientale. Grazie alla formula concentrata, un flacone da 100 ml garantisce come dicevo prima 40 docce, permettendo allo stesso tempo di utilizzare il 50% in meno di plastica rispetto ad un flacone da 400 ml. Come sempre, il flacone contiene il 25% di plastica riciclata. E come per tutti i gel doccia e shampoo Yves Rocher, la formula del Gel Doccia Concentrato è biodegradabile e il flacone riciclabile.

Lo metterai anche tu in valigia?

No Comments Yet

Rispondi