Individuare il nostro tipo di pelle non è sempre facile perché… la pelle cambia! A causa del clima e della stagione, del passare del tempo o in periodi di forte stress, per questo motivo è necessario dare ad ogni zona del viso un’attenzione specifica. L’esigenza di diversificare trova la soluzione semplicissima e divertente, il multimasking: si applicano diversi tipi di maschera su diverse parti viso, in modo da dare ad ogni zona il prodotto di cui ha bisogno, a seconda delle esigenze del momento. Perfetto per metterlo in pratica  sono le nuove maschere in argilla Biofficina Toscana, ricche di minerali dalle proprietà detox per una pelle pulita, sana e levigata.

Queste maschere viso sono diverse da molte tra quelle in argilla da me provate finora e ciò mi rende felice! Sono cremose e senza grumi, si applicano con facilità e uniscono l’azione detossinante dell’argilla a sostanze emollienti (un principio a base di zuccheri, l’olio di girasole bio e lo squalano) per mantenere la consistenza morbida e far sì che non secchino la pelle, caratteristica invece comune a tante maschere che odio perché in grado di trasformare un momento di relax in qualcosa per me di estremamente irritante. Proprio perché confortevoli, le lascio agire quasi sempre molto di più rispetto ai 15 minuti consigliati. Il loro pratico tappino apri-chiudi permette inoltre di utilizzare il prodotto più e più volte anche in piccole dosi, mantenendolo sempre fresco e morbido.



La maschera in argilla viola detox lenitiva alle mucillaggini di malva bio toscana è indicata per le zone delicate o arrossate, la maschera in argilla oro detox purificante all’elicriso bio dell’isola d’Elba è consigliata per le zone impure o che tendono a lucidarsi e la maschera in argilla nera detox illuminante ai frutti rossi bio toscani è pensata per le zone di pelle spenta e segnata. Si possono applicare 2 o 3 maschere in aree diverse, ma se lo ritieni opportuno puoi anche utilizzarne solo una per tutto il viso.

Ogni pelle e ogni momento può avere il suo multimasking ideale. Le combinazioni possono essere dunque svariate, quelle che seguono sono proposte da Biofficina Toscana:

Multimasking

Siccome ho da poco avuto uno sfogo di acne sulla fronte per cause ormonali, l’efficace combinazione che sto adottando al momento è ‘armonia’, che prevede l’applicazione dell’argilla purificante nella parte superiore del viso e quella lenitiva nella parte inferiore, quindi purificazione per la zona della fronte e azione lenitiva per il resto del mio viso sempre arrossato. In questa fase urto le sto utilizzando un giorno sì e uno no, procederò poi applicandole una volta alla settimana. Tu quale o quali sceglierai?

Sbizzarrisciti con il multimasking e, se ti va, mostra il risultato postandolo sui social con l’hashtag #mascherebt!

Ti farà piacere sapere che, contestualmente alle maschere in argilla, Biofficina Toscana ha lanciato inoltre tre maschere idratanti in tessuto: idratante lenitiva alle mucillaggini di malva bio toscana, idratante illuminante ai frutti rossi bio toscani e idratante purificante all’elicriso bio toscano. Queste maschere sono realizzate in cellulosa naturale, una fibra in grado di veicolare al meglio nell’epidermide le sostanze di cui sono imbevute, mentre la loro azione è potenziata dal naturale calore sprigionato dalla pelle. Contengono acido ialuronico a peso molecolare differenziato e mirate combinazioni di principi attivi (bisabololo, pantenolo, allantoina, Vit. E e C, biotina).

Qualunque sceglierai di provare, ti consiglio di spiegarla con delicatezza e di lasciarla agire per almeno 15 minuti. E una volta che l’avrai rimossa, ricorda di massaggiare accuratamente il siero che resta sul viso per beneficiare a pieno di tutti i preziosi estratti ivi contenuti. La mia preferita? Resto ogni volta sbalordita dalla radiosità della mia pelle dopo aver applicato la maschera idratante illuminante, ma trovo estremamente efficace anche quella idratante purificante per la sua azione sebo-regolatrice.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.